FONDAZIONE TOSCANA SPETTACOLO onlus
COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA
TEATRO ALFIERI – CASTELNUOVO BERARDENGA

Venerdì 24 novembre

FUORI ABBONAMENTO

Lo Stanzone delle Apparizioni
presenta

LA RIVOLUZIONE RUSSA. РУССКАЯ PЕВОЛЮЦИЯ
Cento anni. Сто лет
L’Ottobre del ’17 salda gli operai delle fabbriche, i soldati sopravvissuti alla guerra, il popolo affamato: no alla guerra, no allo sfruttamento, no al lavoro alienato. Si sconvolge l’ordine del mondo. Per il tempo di tre generazioni. L’0ttobre raccontato da Trotskij, che ne fu un artefice, da John Reed, il giornalista americano e bolscevico, dai poeti del futurismo e del simbolismo russo.

ore 18.45 introduzione alla poetica dell’autore
ore 20 cena a buffet
ore 21 lettura scenica


mercoledì 6 dicembre, ore 21.15

Angela Finocchiaro, Stefano Benni
BESTIA CHE SEI
di Stefano Benni
produzione Agidi

 Stefano Benni e Angela Finocchiaro hanno spesso incrociato le loro vite professionali nell’arco degli ultimi venti anni. Come scrittore Benni ha realizzato testi teatrali che sono ormai diventati classici della drammaturgia contemporanea e che l’attrice milanese ha portato in tournée per molti anni: da La Misteriosa scomparsa di W, proseguendo con Pinocchia e Benneide fino ad arrivare a Mai più soli.
Con Bestia che sei, il nuovo spettacolo preparato per l’occasione, Stefano Benni e Angela Finocchiaro si troveranno sul palco per la prima volta insieme. Un reading a due voci in cui i protagonisti saranno quegli animali che hanno spesso popolato l’immaginazione dello scrittore bolognese. Animali veri e fantastici, quotidiani e leggendari, gatti diabolici e cani innamorati, ippopotami filosofi, balene sexy, topi cagoni, babonzi e camulli, ma soprattutto creature ambigue, che ci ricordano che l’homo sapiens è la bestia più ridicola e feroce del cosmo. Una lettura piena di sorprese ed energia che non potrà che confermare la bellezza di questo binomio artistico.


sabato 16 dicembre, ore 21.15

PROGETTO SPECIALE  FUORI ABBONAMENTO
IL MINOTAURO. VIAGGIO DI UN EROE

coreografia, regia e drammaturgia Luana Gramegna
scene, luci, costumi e maschere Francesco Givone
progetto sonoro e musiche originali Stefano Ciardi
collaborazione alla drammaturgia e scrittura Enrica Zampetti
con Gianluca Gabriele, Susannah Iheme, Daria Menichetti
collaborazione artistica per scene, costumi e suono Alessia Castellano
produzione Zaches Teatro con il sostegno della Regione Toscana e il MiBACT
in collaborazione con Fondazione Sipario Toscana onlus – La Città del Teatro, Giallo Mare Minimal Teatro, I Macelli di Certaldo, Straligut Teatro, Kilowatt Festival.

____________________________________________________________________________________________________

sabato 27 gennaio, ore 21.15

Daniela Morozzi, Blas Roca Rey e Nini Salerno 

LA CENA PERFETTA
di Sergio Pierattini
regia Nicola Pistoia
con Monica Rogledi, Ariele Vincenti
produzione La Contrada-Teatro Stabile di Trieste

In una banlieue di Parigi, il Girgenti, piccolo ristorante dalla conduzione scalcinata e familiare, si prepara ad accogliere la quanto mai insperata visita di un ispettore della Guida Michelin.
L’esuberante proprietario e chef Salvatore, insieme alla socia Lucia, al cameriere rumeno Cristian e sua moglie Caterina, attendono con ansia l’avvenimento.
Con il crescere dell’ansia per l’arrivo del critico si accentuano anche i tratti distintivi dei protagonisti e i conflitti che li uniscono e che portano la gestione del locale al completo disastro.
L’arrivo del critico potrebbe cambiare tutto, ma solo a patto di realizzare una cena perfetta, chissà se tutto andrà come previsto.
durata: lo spettacolo debutta nel corso della stagione


 sabato 10 febbraio, ore 21.15

Lorenzo Baglioni
I RACCONTI DEL BAR SPORT
di Stefano Benni

regia di Angelo Savelli
musiche Lorenzo & Michele Baglioni
eseguite dal vivo da Marco Caponi, Lorenzo Furferi, Pietro Guarracino, Emanuele Bonechi
e Alessandro Cianferoni
arrangiamenti Pietro Guarracino
elementi scenici Tuttascena
produzione Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi | Ridens

Il Bar Sport si ammoderna. Dopo quarant’anni il mitico locale cantato da Stefano Benni nella sua saga, approda a teatro nella rivisitazione di Lorenzo Baglioni e della sua band che, per l’occasione, assume il nome de “i Kastagna”.Nello spettacolo rivivono i personaggi storici quali il “Tecnico” e “l’Incazzato” insieme alle battute originali di Baglioni: la “Luisona” torna a vendicarsi del commesso viaggiatore mentre una girandola di personaggi strampalati affolla il palco su cui campeggia l’insegna del Bar Sport.
La comicità del comico toscano si sposa alla perfezione con quella di Benni, in un mix impeccabile che regala al pubblico una serata di spensieratezza, ma anche di riflessioni intelligenti, tra monologhi tratti dalle opere di Benni e canzoni demenziali che creano una magica allegria.

durata: 1h 30’


mercoledì 7 marzo, ore 21.15

DE RERUM NATURA
concept, coreografia e costumi Nicola Galli
danza Beatrice Ciattini, Gianluca Formica, Angelica Mattiazzi, Marianna Miglio,
Silvia Remigio, Antonio Saitta
musica Banchieri, Henry, Ligeti, Penderecki, Radigue, Xenakis
Giacomo Gaudenzi passacaglia per viola e violoncello
tecnica Giovanni Garbo
produzione TIR Danza, stereopsis/Compagnia Junior Balletto di Toscana diretta da Cristina Bozzolini
in collaborazione con Civitanova Danza Festival & AMAT
con il supporto di Fondazione Fabbrica Europa, Cantieri Danza
una produzione nata dal progetto Prove d’Autore XL – azione Network Anticorpi XL

Una coreografia spirata al De rerum natura di Lucrezio, poema latino che svela con delicata poesia i contenuti anticipatori della scienza moderna, la realtà del cosmo e l’uomo.
L’opera del filosofo e poeta tratta “la natura delle cose”, dell’unione e della disunione degli atomi, della vastità dello spazio, dello sviluppo temporale, della nascita, del declino, dell’intelletto e dell’anima dell’uomo. Lo spettacolo riporta tutto questo, attraverso una creazione coreografica fondata sul desiderio di muoversi di sei corpi legati da un pensiero sotterraneo che scorre sanguigno sotto la superficie della pelle. I corpi si uniscono in una composizione scenica nella quale la costruzione, la distribuzione degli elementi, il rapporto di correlazione e interdipendenza formano un complesso organico e respirante.

durata: 50’


venerdì 16 marzo, ore 21.15

M A C B E T T U
di Alessandro Serra

tratto dal Macbeth di William Shakespeare
regia, scene, luci, costumi Alessandro Serra
con Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino
traduzione in sardo e consulenza linguistica Giovanni Carroni
collaborazione ai movimenti di scena Chiara Michelini
musiche Pinuccio Sciola, pietre sonore
composizioni pietre sonore Marcellino Garau
produzione Sardegna Teatro/compagnia Teatropersona
con il sostegno di Fondazione Pinuccio Sciola/Cedac Circuito Regionale Sardegna

Il Macbeth di Shakespeare recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. Questo il progetto di Alessandro Serra, regista e fondatore della compagnia Teatropersona. L’idea nasce nel corso di un reportage fotografico tra i carnevali della Barbagia.
I suoni cupi prodotti da campanacci e antichi strumenti, le pelli di animali, le corna, il sughero. La potenza dei gesti e della voce, la confidenza con Dioniso e al contempo l’incredibile precisione formale nelle danze e nei canti. Le fosche maschere e poi il sangue, il vino rosso, le forze della natura domate dall’uomo. Ma soprattutto il buio inverno.
Sorprendenti le analogie tra il capolavoro shakespeariano e i tipi e le maschere della Sardegna. La lingua sarda non limita la fruizione ma trasforma in canto ciò che in italiano rischierebbe di scadere in letteratura. Uno spazio scenico vuoto, attraversato dai corpi degli attori che disegnano luoghi ed evocano presenze. Pietre, terra, ferro, sangue, positure di guerriero, residui di antiche civiltà nuragiche. Materia che non veicola significati, ma forze primordiali che agiscono su chi le riceve.

durata: 1h 30′


Musica e Letteratura

domenica 25 marzo

CLAUDE DEBUSSY
con Matteo Fossi pianoforte e Matteo Marsan voce narrante
introduzione di Giuseppe Scuto

Emulazione delle forme classiche, suggestione della natura, magnetismo esercitato dalla danza, il caratteristico e unico humour che traspare da ogni nota, sono solo alcuni degli aspetti compositivi ed espressivi che emergono dalle composizioni di Claude Debussy. Su tutto, ciò che impressiona ogni giorno di più è la precisione di scrittura: in Debussy sono presenti tutti i fraseggi, tutte le possibili articolazioni e dinamiche che si possano concepire al pianoforte. C’è scritto tutto, nella sua musica: a noi il compito di far diventare il pianoforte una grandiosa orchestra sinfonica.
Accanto alla musica, letture di poesie e testi di Mallarmé e Baudelaire (i “suoi” poeti”).


 

FUORI ABBONAMENTO:  

Lo Stanzone delle Apparizioni
presenta

Sabato 24 febbraio

DE RERUM NATURA
la natura delle cose e la poesia della Natura

 In un momento non precisato del primo secolo a.C. Lucrezio scrive l’unico poema ateo nella storia dell’umanità: il movimento della materia è cosa intima della vita dell’uomo, che si fa poeta e canta su quel ritmo. L’universo è un infinito incontrarsi di atomi ed il caso genera la necessità.

ore 18.45 introduzione alla poetica dell’autore
ore 20 cena a buffet
ore 21 lettura scenica

Contatta adesso Teatro Vittorio Alfieri

Dove si trova

Altri video

La Cena Perfetta

La Cena Perfetta

Sabato 27 gennaio, abbiamo intervistato Daniela Morozzi e Blas Roca Rey al Teatro Vittorio Alfieri di Castelnuovo Berardenga in occasione dello spettacolo teatrale La Cena Perfetta di Sergio Pierattini con Daniela, Blas, Ninì Salerno, Ariele Vincenti e Monica Rogledi.

Pubblicato da Place2B Siena su Domenica 28 gennaio 2018

0

Related Post

TagsTeatro